Cosa cambia con il mercato libero dell’energia?

Cosa cambia con il mercato libero dell’energia?

Cosa cambia con il mercato libero dell’energia?

Commenti disabilitati su Cosa cambia con il mercato libero dell’energia?

Dal 2019 l’energia viaggerà solo sul mercato libero. Notizia che diamo ormai per scontata dato che se ne sente parlare un po’ ovunque, dai social alle TV, dalle chiacchiere tra amici ai giornali nazionali, ma, nel concreto, cosa cambierà per ognuno di noi? Ecco in breve cosa è il mercato libero dell’energia, quali sono i suoi pro e i suo i contro, e come possiamo attivarci fin da subito per risparmiare davvero sulla bolletta dell’energia elettrica.

 

Cosa è il mercato libero dell’energia?

Con l’espressione “mercato libero” si intende una forma di approvvigionamento dell’energia che non dipende più da strutture controllate dallo Stato: grazie al mercato libero, infatti, ognuno di noi è libero di acquistare energia dal fornitore che più risponde alle sue esigenze.

Prima del 2007, anno in cui è entrato in vigore il decreto legislativo n. 79 del 1999, meglio conosciuto come decreto Bersani, privati e piccole imprese potevano affidarsi esclusivamente allo Stato per poter avere energia elettrica nelle loro case, servizio che prendeva il nome di “maggior tutela”, ma che di fatto obbligava tutti i cittadini ad avere un unico partner. Con la liberalizzazione dell’energia elettrica e del gas, invece, ognuno è libero di scegliere, potendo così ottenere l’offerta migliore tra quelle proposte sul mercato.

mercato libero Green EnergyQuali sono i pro e i contro del mercato libero?

I vantaggi di affidarsi al mercato libero dell’energia sono tutti a favore del contribuente: potendo scegliere tra diversi fornitori, infatti, ognuno può sottoscrivere un contratto con la società di vendita energia che meglio risponde alle sue necessità in termini di costo al kilowatt -kW-, trasparenza della bolletta e soprattutto servizio e reperibilità dei responsabili in caso di guasti, disguidi o anche solo dubbi sul contratto di vendita.

Il rischio che alcuni vedono nel mercato libero è l’assenza di tutela da parte dello Stato che, non essendo più parte in causa nella vendita di energia elettrica, non può controllarne i costi. Si prevede però che la concorrenza del mercato libero difficilmente porterà ad un aumento del costo al kW, anzi, che a lungo andare il costo dell’energia e di conseguenza l’importo della bolletta che dobbiamo pagare mensilmente sia destinato a scendere, proprio in virtù di questo cambio.

A oggi non ho ancora cambiato la società di fornitura elettrica…

Se a oggi non hai ancora stipulato nessun contratto con società del mercato libero, niente paura: stai semplicemente continuando a ricevere energia dall’agenzia statale che la forniva anche prima del 2007. Attenzione però: da luglio 2019 tutti i cittadini dovranno stipulare un contratto con una società di fornitura dell’energia, per cui è meglio se ti informi fin da subito su quali sono le offerte presenti nella tua zona. In questo modo potrai iniziare a risparmiare sulla bolletta già da oggi e, quando la liberalizzazione dell’energia sarà conclusa, non ti farai trovare impreparato!

 

Vuoi avere maggiori informazioni sul mercato libero dell’energia e conoscere un consulente che ti aiuterà nella scelta del fornitore giusto?
Contattaci al numero 800 508766 e richiedi subito un appuntamento
con un esperto Green Energy Saving Company!

 

Contatti

+39 035 0277053
+39 035 3831266
info@greenescoenergia.it
greenesco@arubapec.it
Via G. Falcone, 12 – 24048 Treviolo (BG)

Seguici su

Back to Top