Ecobonus 110%

ECOBONUS AL 110%: LA GUIDA COMPLETA

Settembre è il mese della ripartenza, cresce la voglia di fare, di reinventarsi a pratire dalla propria casa e per questo molti stanno pensando di ristrutturarla, complici anche gli incentivi estremamente favorevoli messi in campo dal governo e che possono arrivare addirittura a coprire l’intero costo dell’intervento (e ora validi anche per le seconde case, purché non siano considerate di lusso). Grazie all’Ecobonus i lavori di efficientamento energetico (es. cappotto termico e sostituzione caldaia) e di messa in sicurezza antisismica degli edifici godono di una aliquota di detrazione pari al 110% del costo degli interventi effettuati.

Ma in cosa consiste davvero Ecobonus al 110%? Chi ne può godere e come fare per richiederlo?

L’ecobonus 110% è la possibilità di effettuare lavori per migliorare l’efficienza energetica del proprio immobile recuperando in cinque anni, come credito d’imposta, il 110% della spesa sostenuta fino a un massimo di € 90.000,00.
Le opere devono riguardare condomini o case indipendenti, non in costruzione che costituiscano la prima abitazione e ne potranno usufruire solo le persone fisiche,
non quelle Giuridiche, non le attività commerciali. Ad eccezione degli interventi compiuti da (Istituti Autonomi Case Popolari) da Cooperative Sociali,e di promozione sociale, organizzazioni di Volontariato, Associazioni Sportive dilettantistiche.

Per avere diritto all’Ecobonus 110% è necessario eseguire lavori che apportino alla mia abitazione un miglioramento di almeno 2 Classi Energetiche o che tale miglioramento rappresenti il massimo tecnicamente raggiungibile.
È indispensabile una diagnosi energetica che attesti la situazione energetica attuale e POST intervento, grazie al nostro progetto certificheremo con responsabilità penale, la corretta esecuzione dei lavori e che i costi sostenuti siano in linea con eventuali verifiche di congruità da parte dell’Agenzia delle Entrate.
In riferimento alle spese sostenute dal 1°luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, per gli interventi PRIMARI la detrazione fiscale passa al 110% e viene ripartita in 5 anni, mentre
per gli interventi SECONDARI la detrazione passa al 110% (in 5 anni) solo se realizzati congiuntamente ad interventi PRIMARI.

 

 

 

Back to Top